Nepal

Dal 15 al 26 Marzo 2024 - Una Photo Adventure con Michele Dalla Palma
Sold out

Dalle montagne dell'Himalaya alle atmosfere tropicali del Terai, una EXCLUSIVE EXPERIENCE NIKON SCHOOL in una delle regioni più interessanti del pianeta.

Holi è un momento unico per gli Indu, la celebrazione della gioia che si esprime attraverso i colori, e anche a Kathmandu, nei primi giorni di marzo, le strade si riempiono di mille sfumature trasformando la città in un incredibile acquerello.

Ma Holi è solo una delle "chicche"della EXCLUSIVE EXPERIENCE in uno dei Paesi più affascinanti del pianeta... nel nostro viaggio passeremo dalle scenografie tropicali del Terai, dove nel Parco di Chitwan andremo a caccia (fotografica!!!) degli ultimi esemplari di rinoceronte bianco unicorno, che ormai vivono solo in questa grande area naturale selvaggia e protetta, ai profili degli 8000 himalayani che ammireremo dalle colline che circondano Pokhara. E poi la valle di Kathmandu, con i suoi straordinari sincretismi: templi buddisti, città immaginifiche dove il tempo si è fermato come Patan e Bhaktapur, luoghi, come Pasupatinath, dove cielo e terra si fondono nella sacralità di riti ancestrali come la cremazione dei defunti... e poi la gente del Nepal. Mille razze, mille sorrisi. Una Photo Adventure dove ogni momento è unico.

FOCUS DELLA EXCLUSIVE EXPERIENCE

  • il festival di Holi (festa dei colori) a Kathmandu
  • caccia fotografica al rinoceronte bianco unicorno e alla fauna selvatica tropicale nel Parco di Chitwan
  • Bandipur e i villaggi della campagna nepalese
  • Boudnath, il più grande stupa buddista dell'Asia
  • i riti della cremazione a Pasupatinath
  • le città senza tempo di Patan e Bhaktapur
  • la visita al tempio della dea Khali a Dashinkhali 
  • le infinite fascinazioni di Kathmandu

Richiedi informazioni

Il programma
Partenza dall'Italia

Arrivo in mattinata nella capitale nepalese, situata in un’ampia vallata a 1340 metri di quota ai piedi della catena himalayana. Disbrigo delle formalità doganali, trasferimento in Hotel, pranzo pranzo e sistemazione nelle camere riservate. Abbiamo scelto un piacevole hotel in pieno centro per poterci muovere liberamente durante la nostra permanenza nella capitale dell’antico Regno himalayano, fino a mezzo secolo fa interdetto a tutti gli stranieri.

Nel pomeriggio visita a piedi della città, si attraversa il fiorente quartiere turistico di Thamel per approdare nella bella piazza Durbar Square, cuore pulsante della città, dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO. Un museo a cielo aperto, un mosaico di templi, pagode e santuari; una volta simbolo del potere con il suo Palazzo Reale, un vero gioiello architettonico, e anche se gli effetti del terremoto del 2015 sono, purtroppo, ancora evidenti, rimane il fascino di questa magnifica ed autentica piazza. Visita della residenza della Dea vivente Kumari, una bambina buddista che rappresenta la potente dea indù Taleju, nella speranza di poterla vedere nel cortile.

Proseguimento con la visita al Tempio di Swayambunath, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, un antico complesso religioso situato in cima a una collina a ovest della capitale, conosciuto come Tempio delle Scimmie. Per i buddhisti nepalesi la collina di Swayambunath è uno dei più sacri luoghi di pellegrinaggio. L’immagine più grande del Buddha Sakyamuni in Nepal si trova su un alto piedistallo ed è ben visibile dalla città. La leggenda narra che una volta la valle di Kathmandu era un lago in cui la collina di Swayambhu esisteva come isola. In cima a quella collina c'era uno stupa di cristallo naturale. Buddha, visitando il luogo, ha dichiarato che era uno stupa che apprende i desideri e chi è toccato dal vento che passa sopra lo stupa riceve il seme della liberazione dal ciclo dell'esistenza. Tempo per godere della spettacolare vista sulla valle di Kathmandu con la luce del tramonto, poi cena libera (sceglieremo insieme una location caratteristica) e pernottamento in Hotel.

Prima colazione in Hotel. Trasferimento verso la pianura del Terai per raggiungere il Parco Nazionale di Chitwan (6 ore circa). Situato in posizione idilliaca nelle pianure del Terai, nel centro-sud del Nepal, il Parco nazionale di Chitwan è noto per la sua straordinaria biodiversità. Questo imponente sito Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO è caratterizzato da foreste lussureggianti, praterie, ricche pianure alluvionali, dolci colline, splendidi fiumi e laghi. Il parco è una delle riserve naturali più celebri del Nepal in quanto funge da uno degli ultimi rifugi al mondo della tigre del Bengala e del rinoceronte asiatico con un corno. Ci sono anche cervi, scimmie, leopardi, elefanti indiani, coccodrilli, orsi bradipi e oltre 500 specie di uccelli che abitano questa distesa spettacolare di natura selvaggia protetta.

Primo safari game all’interno del parco, poi visita al vicino villaggio dei Tharu, che abita questa zona del Nepal. Cena e pernottamento in Lodge.

Prima colazione in Lodge. Il Parco nazionale reale di Chitwan è il più antico del Nepal. Fu creato nel 1973 e divenne patrimonio dell'umanità nel 1984. Il parco è ricco di flora e fauna, tra cui una delle ultime popolazioni di rinoceronte indiano a corno unico e di tigre del Bengala, oltre ad elefanti, leopardi, orsi e coccodrilli. Giornata dedicata alla visita del parco con visite ed escursioni (a piedi ed in Jeep) con l’assistenza di rangers specializzati, parlanti inglese. Cena e pernottamento in Lodge.

Prima colazione in Lodge. Proseguimento per Pokhara (5 ore circa). Pomeriggio a disposizione per scoprire la seconda città del Nepal, posta sulle rive del lago Phewa Tal, nel panorama straordinario del massiccio dell’Annapurna e del Machhapuchhare, montagna sacra per gli Indu e per questo inviolabile. Poi raggiungeremo il villaggio montano di Naudanda (a circa 30 km) posto a circa 1.500 metri, che offre una vista maestosa sulle catene montuose del Machhapuchre, Annapurna, Dhaulagiri e Lamjung Himal. Sistemazione in semplice Resort di montagna e tempo per godere della spettacolare scorcio sull’Himalaya con le luci del tramonto. Cena e pernottamento in Hotel

 

Giornata dedicata alla visita di Pokhara, dal Tempio di Bindebasini, centro dell'attività religiosa nel vecchio bazar, dedicato alla Dea Bhagawati (un'altra manifestazione di Shakti), l’incredibile cascata di Devi, la visita al complesso ipogeo di Gupteshwor Mahadev Cave; poi escursione in barca (circa un’ora) sul lago Phewa, pranzo in ristorante posto sul lungo lago (menù fisso). Proseguimento per ammirare il tramonto dalla collina di Sarangkot, punto d’osservazione delle principali e meravigliose vette himalayane del complesso dell’Annapurna. Rientro a Pokhara, cena libera, pernottamento in hotel.

Sulla strada verso Kathmandu, ci fermiamo a Bandipur (2/3 ore circa), una delle cittadine meglio conservate di tutto il Nepal, posizionata sulla sommità di una collina. Trasferimento in Hotel e pomeriggio dedicato alla visita della cittadina medievale di Bandipur, considerata come la massima espressione della cultura Newari, poi faremo una piacevole camminata nella realtà rurale del Nepal fra i piccoli villaggi della vallata per terminare con le luci del tramonto. Cena e pernottamento in hotel

Partenza per Kathmandu (5 ore circa di auto). Lungo il percorso sosta a Dashinkhali, località poco turistica, estremamente suggestiva, per la visita al Tempio dedicato alla Dea Kali, la dea dalle molte braccia, una delle tante manifestazioni della dea Parvati e la più sanguinaria di tutte. Vedere i riti a lei dedicati è una esperienza unica. Attraversato un ponte sospeso sulla confluenza di due fiumi, il Kharpa Khola e il Sanimal Khola si percorre una strada contornata da bancarelle con frutta, verdure e tante ghirlande di fiori, le offerte da portare alla dea. Il tempio è nascosto in una gola che si raggiunge scendendo un ripida scalinata; la vegetazione che lo circonda è estremamente rigogliosa e il luogo è davvero piacevole da visitare. A Khali i fedeli offrono non solo preghiere e ghirlande di fiori, ma anche sacrifici: durante il rito, del martedì e il sabato mattina, un animale viene sacrificato per placare la dea e ingraziarsene i favori.

Il villaggio più significativo e storico, Chobar è il luogo in cui Manjushree (l'essere divino) ha tagliato la gola chiamata gola di Chobar, per drenare l'acqua dal lago annidato nella valle, rendendolo un luogo vivibile. Il fiume può essere attraversato tramite un ponte sospeso in ferro fabbricato più di cento anni fa in Scozia. Vicino al fiume Bagmati, sotto il ponte c'è il Tempio di Jal Vinayak (Acqua Ganesh). L'altra attrazione principale del villaggio è il famoso tempio di Adinath Lokeshwor, sul quale i devoti hanno inchiodato piatti e ciotole di metallo alle sue pareti per ringraziare la divinità per le preghiere esaudite. A sole 4 miglia da Chobar si trova la bellissima città di Kirtipur. L'antica città di Kirtipur è una fortezza naturale e ha una cultura e una storia molto ricche. Le principali attrazioni della città sono il Chilancho Stupa, il tempio di Bagh Bhairav e il tempio di Uma Maheshwar. Oltre ai templi e agli stupa, la città è piena di case tradizionali nepalesi e piazze dei templi. La cittadina si trova su due colline, incastonate tra le colline, Kirtipur, Khokana e Bungmati sono tra i pochi villaggi e città più vicini alla collina e lontani dalla folla esasperante, dall'inquinamento e dal traffico della capitale. In fondo alle due colline si trova il tempio Bagh Bhairab a tre livelli con la feroce divinità Bhairab a forma di tigre.

Pernottamento a Kathmandu in Hotel

Mattinata dedicata alla visita Changu Narayan, uno dei templi più importanti di tutto il Nepal, patrimonio mondiale dell'UNESCO. Situato in cima a una collina dalla quale, oltre il bosco di pini sottostante, si può godere uno splendido panorama della Valle incorniciata a nord dalla catena dell’Himalaya. Narayan o Vishnu è il Dio protettore della creazione nell’Induismo, ed è noto ai più appunto come il Creatore. Il tempio a lui dedicato  è uno dei più antichi di tutta la Valle e racchiude in se 1700 anni di storia nepalese, decorato con alcuni tra i più preziosi lavori di scultura, intaglio e forgiatura di tutta la valle. Nel pomeriggio visita al Tempio di Pashupatinath, uno dei templi induisti più importanti di tutto il subcontinente indiano. In questa ampia area vengono cremati i defunti, sulle rive del fiume sacro Bagmati che scorre attraverso il Tempio dividendolo in due lati. Non è possibile accedere all’interno del Tempio, dedicato solo ai fedeli, ma la visita della parte esterna assicura un’esperienza unica ed intensa, osservando i rituali funebri e la fede come viene vissuta dai locali e dai pellegrini provenienti da diverse parti dell'Asia. Si conclude la giornata con la visita dello Stupa di Boudhanath, patrimonio mondiale dell'UNESCO, uno dei luoghi più sacri di Kathmandu, alto 36 metri e con un diametro di 120, fra i più grandi al mondo. Costruito nel V secolo si trovava sull'antica rotta commerciale verso il Tibet ed è uno dei maggiori siti di pellegrinaggio per buddisti di tutto il mondo. Durante la visita si partecipa alla cora (la circumnavigazione) attorno allo stupa accompagnando i pellegrini buddisti, girando le ruote di preghiera che adornano la base del monumento. Vi sono oltre 50 gompas (conventi tibetani) attorno al Buddha. Cena in uno dei numerosi ristorantini nel quartiere tibetano, che dall’alto dei tetti, si affacciano alla grande piazza. Rientro in Hotel per il pernottamento.

Giornata dedicata alla partecipazione del Phagu Purnima, il Festival di Holi, la festa di Primavera, la Festa dei colori, la festa religiosa più colorata del mondo... Durante l’Holi Fest è usanza sporcarsi con polveri colorate per simboleggiare la rinascita e la reincarnazione. Nel tempo è divenuta anche, da un punto di vista laico, la celebrazione della primavera e dei colori. Capita infatti a ridosso dell’equinozio di primavera, in un giorno di plenilunio. Holi, la festa dei colori, viene osservata con molto clamore a Kathmandu. Giovani e meno giovani si godono il festival con entusiasmo. Canti, balli e soprattutto lanci di polveri colorate: rituali per accogliere l'avvento della primavera e i cui festeggiamenti vanno in scena nei templi e nelle strade. Holi celebra Krishna, grazie a vari simbolismi, e altre leggende, come quelle di Holika e Prahlad. Chiamata anche festa di primavera, segna l'arrivo della primavera e la stagione del raccolto. Pasti liberi e pernottamento in Hotel

In mattinata visita di Patan, considerata la più antica tra le città reali nella valle di Kathmandu. La sua piazza principale, Durban Square, è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO grazie ai capolavori che racchiude: numerosi templi, costruiti attorno al 1600, in pieno periodo Malla. La costruzione di questi edifici prevede l’unione di mattoni e travi di legno finemente intarsiati, mentre in alcuni è stato impiegato il marmo. La piazza è il luogo prediletto dalla popolazione locale per incontrarsi. Possibilità di fermarsi a pranzo in uno dei tipici localini della città che si affacciano alla piazza principale. Nel pomeriggio proseguimento per Bhaktapur, la più bella città medievale del Nepal, chiamata anche la “città del riso” o Badhgaon in nepalese, dalla splendida architettura del XVII secolo, una ricchezza di storia e di leggende. Il centro nevralgico della città è Durbar Square, un museo a cielo aperto, ancora simile a come doveva essere, vivissima non solo nei suoi splendidi monumenti, ma nelle sue case antiche, nelle botteghe artigiane, nei suoi mercati. Il centro città è iscritto al patrimonio mondiale dell'UNESCO dal 1979. Pur così vicine e con una storia simile, Kathmandu, Patan e Bhaktapur hanno ciascuna un’anima diversa che le caratterizza e le rende uniche. Si prosegue con la visita della piazza dei vasai, un altro gioiellino di vita reale quasi fuori dal tempo, in un contesto di bei palazzi antichi. Qui i vasai espongono in fila per terra, appoggiati a stuoie di paglia a perdita d’occhio, le loro merci finite e i semilavorati di argilla grigia ancora da cuocere. In questa città dove buddhismo e induismo si fondono così profondamente, ci sono i pittori dei famosi thangka, dipinti a mano su cotone e seta che riprendono immagini del Buddha e motivi di mandala, tanto più ricchi di dettagli e colori quanto maggiore è l’abilità dell’artista. Poi ci sono gli artigiani che producono strumenti musicali tradizionali, come i lunghi fiati fatti per risuonare a distanza tra le valli, a volte decorati con elementi di facce grottesche, di quei demoni così radicati in questa cultura e rappresentati anche dalle coloratissime maschere dagli occhi spiritati e dalle bocche spalancate, da appendere al muro per protezione. Al termine della visita rientro in Hotel. Cena tipica di 6 portate presso il ristorante Krishnarpan.

Prima colazione e trasferimento verso l’aeroporto per partenza vs Italia

Richiedi informazioni

La quota comprende

  • * Pernottamento in camera doppia in hotel categoria 4 stelle.

  • tutte le cene dal 1° al 10° giorno, di cui il 9° giorno cena presso il Tibet International Hotel e il 10° giorno cena presso il Dwarika's Hotel.

  • Pranzo del 5° giorno presso il ristorante Med 5 di Pokhara
  • Guida accompagnatrice parlante italiano per tutto il tour
  • Trasporto in veicolo A/c per tutta la durata del tour dal giorno di arrivo al giorno di partenza
  •  Naturalista parlante inglese in Chitwan
  • Guida parlante inglese a Pokhara
  • Ingresso singolo ai monumenti indicati
  • workshop di composizione fotografica e fotografia del paesaggio con Michele Dalla Palma
  • attestato di partecipazione rilasciato da FOTOVIDEOACADEMY ITALIA - NIKON SCHOOL

La quota non comprende

  • Biglietto aereo internazionale
  • Spese di natura personale come mance, lavanderia, telefono / fax, bevande alcoliche, tassa per macchina fotografica / videocamera in tutti i monumenti, spese mediche, tasse di partenza dall'aeroporto, ecc.
  • Pasti diversi dalla prima colazione e non specificati
  • Qualsiasi assicurazione
  • Qualsiasi altro servizio non menzionato

Prezzi

  • BASE 6    - Euro 2530

  • BASE 10 - Euro  2300

  • SUPPLEMENTO SINGOLA       Euro 825

Richiedi informazioni